Un’agenzia che vende spazi pubblicitari, un interlocutore umano interessato all’acquisto, una negoziazione. Questa dinamica, sulla quale si è retto da sempre il mondo dell’advertising, potrebbe diventare presto – se già non lo è – un ricordo del passato, una materia di studio nei corsi di storia della comunicazione commerciale, come Carosello o le aste in…

continua a leggere »

Che le tecnologie digitali stiano rivoluzionando il mondo della salute e in particolare il rapporto medico-paziente non c’è alcun dubbio: nuovi media, app e social network, infatti, sono ormai diventati a pieno titolo un canale “ufficiale” di informazione, comunicazione e condivisione di esperienze sulla propria patologia. Circa 11 milioni e mezzo di italiani si rivolgono…

continua a leggere »

Blocco dello scrittore, mancanza di ispirazione: chiamatela come volete, ma le difficoltà che incontriamo ogni volta che ci mettiamo davanti ad un foglio (di word) bianco e immacolato, sono comuni ai copywriter di tutti i livelli. Cosa fa la differenza tra un master of web writing ed un apprendista? Semplice! Conoscere i ferri del mestiere…

continua a leggere »

“L’idea è ok, ma proverei a lavorare un po’ sul font”… Ecco un tipico feedback del cliente in risposta alla nostra prima bozza, che significa due cose: Il carattere che abbiamo scelto non piace perché evidentemente non riesce a restituire il taglio dell’impostazione grafica che noi avevamo in mente; di sicuro è l’inizio di un…

continua a leggere »

Un bel sito ricco di contenuti interessanti e un profilo social. Ecco fatto: il cliente è servito, la sua attività di marketing digitale è pronta. Inutile dire che la questione è un tantino più complicata di così. Senza scomodare i massimi sistemi del marketing, con domande in qualche misura scontate, tipo: qual è il target…

continua a leggere »

Più o meno tutti noi sappiamo schiarire le ombre di una fotografia troppo scura con Photoshop, ma già davanti all’applicazione di una maschera, o di qualche altra elaborazione appena più complessa, la maggior parte degli utenti “comuni” si blocca. Semplicemente non è capace. Una grande massa di persone che sfrutta un mezzo “potentissimo” sì e…

continua a leggere »

La Business Intelligence è un metodo per supportare le decisioni strategiche e tattiche all’interno di un’azienda, ma parlarne in questi termini potrebbe far venire in mente qualche pratica illecita di spionaggio industriale, messa in atto da multinazionali senza scrupoli, come succede nei film americani. Per fare chiarezza su quello che in realtà è nient’altro che…

continua a leggere »

Chiedimi se sei depresso

di Daniela Piccini, Head of Digital Health

11 Aprile 2019 - Digital health

Mary Giliberti, Chief Executive Officer della National Alliance of Mental Illness – NAMI, la più importante associazione americana nel campo dei disturbi mentali, ha recentemente sottolineato su un post per Google che la depressione clinica è una condizione molto comune, e che circa 1 americano su 5 ha avuto almeno un episodio nella vita. A…

continua a leggere »

Cercare nei grandi numeri un’approvazione o una conferma delle proprie scelte, conformarsi ai comportamenti e alle opinioni degli altri, meglio se sono tanti. In tre parole: seguire il gregge. Non è una metafora felicissima ma rende l’idea. Del resto l’aveva già scritto Nietzsche che “il piacere di essere gregge è più antico del piacere di…

continua a leggere »

F-Shaped Pattern: come si è evoluto il comportamento sulla pagine web

di Elisabetta Gavetti, Project manager, UX & user testing specialist

15 Febbraio 2019 - User experience

C’era una volta e forse c’è ancora… Il famigerato “F-shaped Pattern” narrato per la prima volta nel 2006 da Nielsen Norman Group. Serve un ripasso? Attraverso test di eyetracking è possibile notare come gli utenti tendano a seguire un percorso standard: A partire dall’header della pagina, iniziano a leggere in senso orizzontale, da sinistra verso…

continua a leggere »