Cercare nei grandi numeri un’approvazione o una conferma delle proprie scelte, conformarsi ai comportamenti e alle opinioni degli altri, meglio se sono tanti. In tre parole: seguire il gregge. Non è una metafora felicissima ma rende l’idea. Del resto l’aveva già scritto Nietzsche che “il piacere di essere gregge è più antico del piacere di…

continua a leggere »

Competenze digitali, queste sconosciute

di Alberto Giannini, Founder & CEO head of digital transformation

29 agosto 2017 - Digital transformation

Più o meno tutti noi sappiamo schiarire le ombre di una fotografia troppo scura con Photoshop, ma già davanti all’applicazione di una maschera, o di qualche altra elaborazione appena più complessa, la maggior parte degli utenti “comuni” si blocca. Semplicemente non è capace. Una grande massa di persone che sfrutta un mezzo “potentissimo” sì e…

continua a leggere »

Blocco dello scrittore, mancanza di ispirazione: chiamatela come volete, ma le difficoltà che incontriamo ogni volta che ci mettiamo davanti ad un foglio (di word) bianco e immacolato, sono comuni ai copywriter di tutti i livelli. Cosa fa la differenza tra un master of web writing ed un apprendista? Semplice! Conoscere i ferri del mestiere…

continua a leggere »

Chi cerca trova, recita il vecchio adagio, e se lo trova subito è meglio ancora, si potrebbe aggiungere in ottica SEO. Del resto, quando digitate una o più parole nella maschera di Google e compaiono i fatidici primi 10 risultati, quante volte avete bisogno (o voglia) di andare a scoprire cosa si nasconde nella seconda…

continua a leggere »

Content strategy: i video sono vitali?

di Laura Notaro, Video content producer

30 giugno 2017 - Digital transformation

La riposta a questa domanda nel 2017 sembra scontata. Certo che sì. Capire come e perché lo sono e soprattutto come “integrare” questa modalità narrativa nella propria strategia richiede invece qualche riflessione in più. Come e quando utilizzare il video, sfruttare al massimo la sua grande versatilità e farlo con efficacia.   Il video è…

continua a leggere »

È possibile essere veramente disconnessi?

di Veronica D’Albora, Project manager & digital ADV specialist

29 giugno 2017 - Digital transformation

Dalle foto pubblicate sui social, all’uso del GPS, dagli auricolari ad isolamento all’uso di sveglie per ricordarci del check-in online, di solito usiamo di più lo smartphone in vacanza rispetto a quando siamo al lavoro. Qualche consiglio su come provare un vero digital detox.   Facebook, Instagram, Twitter, Pinterest, Snapchat, Whatsapp, Tinder… Creano dipendenza che…

continua a leggere »

Il sistema perfetto esiste?

di Orlando Chiacchio, Head of digital production

29 giugno 2017 - Digital transformation

Non stiamo parlando di un modo sicuro per vincere al superenalotto, bensì di capire (se possibile) quale sia la migliore infrastruttura IT per un’azienda. Al popolo dei non informatici probabilmente non è del tutto evidente cosa sia un’infrastruttura IT, perciò meglio chiarire che con questo termine tecnico non ci si riferisce ai sistemi utilizzati dal…

continua a leggere »

Nel 2014 il New York Times pubblicò un rapporto eloquentemente intitolato “innovation”, nel quale si effettuava una lucida e spietata autoanalisi di alcune debolezze del giornale. La preoccupazione si concentrava soprattutto sul fatto di trovarsi in un “punto morto digitale”, mentre i concorrenti correvano velocemente. Oggi, a tre anni di distanza, è stato pubblicato un…

continua a leggere »

L’importanza della prima posizione

di Matteo Civillini, SEO, SEM & Data Specialist

29 giugno 2017 - Digital transformation

Quando un cliente si trova a dover scegliere se investire nell’attività di ottimizzazione, le domande che pone sono sempre due. La prima domanda solitamente è: “Quali sono i vantaggi della SEO?”, mentre la seconda è: “Quanto “vale” la prima posizione in Google?” Alla prima domanda solitamente si risponde citando i vantaggi di visibilità (è abbastanza semplice fargli capire che…

continua a leggere »

Al liceo eri un asino in matematica. Ti salvavi ogni anno per il rotto della cuffia solo grazie alla Professoressa di lettere che ti adorava per la tua scrittura creativa e brillante, e ci metteva sempre una buona parola. Il sogno nel cassetto era quello di guadagnarti da vivere scrivendo e sì, dai, puoi dire…

continua a leggere »

chiudi

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione e cookie di analisi statistica di terze parti. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici da terze parti. Se continui a navigare in questo sito acconsenti all’uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui.